Parodontite aggressiva: ecco come riconoscerla e curarla

Quando si parla di parodontite, solitamente si pensa che a soffrirne siano soltanto gli anziani. Esiste, però, anche la cosiddetta parodontite aggressiva che colpisce i giovani, causando tasche parodontali, mobilità dentale e, nei casi più gravi, la perdita dei denti.

 

Parodontite aggressiva: quali sono i sintomi?

Come sappiamo, i primi sintomi che possono far pensare alla parodontite sono le infiammazioni gengivali e la mobilità dentale. Nelle prime fasi della patologia, infatti, si manifestano gengiviti frequenti, sanguinamenti e gonfiore nelle gengive stesse.

A causarli sono i batteri presenti nella placca e nel tartaro che proliferano andando ad intaccare il parodonto, cioè il tessuto di sostegno del dente, fino a portare alla retrazione delle gengive, alla perdita del tessuto osseo e alla caduta dei denti.

A differenziare la parodontite aggressiva dalla parodontite comunemente conosciuta è, prima di tutto, l’età di chi ne soffre. La patologia, poi, è caratterizzata da un’estrema rapidità nella sua progressione.

La cattiva igiene orale è una delle principali cause anche di questa forma di parodontite, ma non vanno sottovalutati nemmeno la predisposizione genetica e il fumo.

 

Parodontite giovanile aggressiva: cos’è?

La parodontite giovanile aggressiva si manifesta in pazienti anche molto giovani. Affinché si possa definire tale, devono presentarsi tre condizioni:

  • Che il soggetto sia sano e non abbia manifestato patologie pregresse
  • Che esista una familiarità
  • Che la malattia si sviluppi in modo molto veloce.

La parodontite aggressiva giovanile, infatti, colpisce in modo da 3 a 5 volte più veloce rispetto alla forma cronica. Proprio per questo motivo è importantissimo diagnosticare la malattia in fretta, per poter limitare i suoi effetti su un sorriso ancora giovane.

 

Quale terapia per chi soffre di parodontite giovanile aggressiva?

Per curare la parodontite giovanile aggressiva è indispensabile un trattamento tempestivo e attento, che può consistere nell’utilizzo di antibiotici, nella cura delle tasche parodontali, fino ad arrivare e trattamenti chirurgici.

Ovviamente, più sarà precoce la diagnosi della parodontite aggressiva, più saranno le probabilità di riuscire a curarla con successo salvaguardando i denti naturali. Sarà cura del medico dentista individuare la terapia più adatta a questa forma di parodontite, in base allo stato di salute della bocca e alla velocità di progressione della malattia. In ogni caso, la parodontite potrà essere tenuta sotto controllo attraverso un’accurata rimozione di placca e tartaro a livello sopra e sottogengivale, con l’uso di strumenti a ultrasuoni e curettes.

Creiamo trattamenti personalizzati per soddisfare le esigenze di ogni paziente!

Parodontite: come curarla prima che degeneri

La parodontite è una malattia degenerativa solitamente causata da un’infiammazione batterica che porta alla distruzione …

Correlazione tra paradontite e malattie cardiovascolari

Esiste una correlazione tra paradontite e malattie cardiovascolari? Come fanno ad arrivare fino al cuore …

Tutto sulla cura della parodontite

La parodontite è una malattia degenerativa causata da un’infiammazione batterica che porta alla distruzione dei …