Detartrasi: quando farla?

Cos’è la detartrasi e ogni quando andrebbe effettuata? Scopri di più!

Comunemente chiamata “pulizia dei denti”, la detartrasi è un’azione fondamentale per la salute della bocca. Le malattie principali che colpiscono la nostra bocca infatti sono carie e paradontite. La prima è causata da un eccesso di placca batterica, ovvero i batteri che vivono nella bocca. Il tartaro invece incide fortemente nella formazione della paradontite: altro non è infatti che calcificazione della placca dovuta alla precipitazione dei sali minerali contenuti nella saliva.

L’importanza della prevenzione nella formazione di questi disturbi è essenziale, e perciò andrebbe effettuata con regolarità. La frequenza delle sedute di detartrasi varia di paziente in paziente in base a quattro fattori principali:

• la disposizione dei denti è una delle caratteristiche che maggiormente influisce sulla formazione del tartaro: denti affollati e malposti rendono più difficile la pulizia con un normale spazzolino e perciò l’intervento del dentista o dell’igienista diventa essenziale.

• l’igiene personale: i denti andrebbero lavati tre volte al giorno, dopo ogni pasto ma a distanza di almeno mezz’ora. La formazione del tartaro infatti è accelerata se ciò non avviene con regolarità. I batteri iniziano ad intaccare i denti dopo essersi depositati per 24-48 ore.

stato di salute delle gengive: la paradontite colpisce facilmente le gengive, per questo se ne avete sofferto in passato o siete particolarmente sensibili è consigliato effettuare sedute di igiene professionale più frequenti per evitare la calcificazione del tartaro

fattori predisponenti, che dipendono dalle singole caratteristiche del paziente, da un punto di vista genetico ed ereditario.

Tendenzialmente, un paziente in salute con un cavo orale sano, dovrebbe effettuare la detartrasi ogni 12 mesi per mantenere costante la propria situazione.

A trattamento effettuato può capitare che per qualche giorno i denti e le gengive siano più sensibili perché il tartaro che ha coperto la superficie dentaria viene rimosso e lascia esposte le radici dei denti, non ricoperte da smalto. L’aumento della sensibilità non è duraturo e anzi, è una sensazione che passa dopo qualche giorno regalandovi semplicemente un sorriso bianco e smagliante.

Hai bisogno di una detartrasi?