Implantologia: il rigetto degli impianti non esiste!

Si sente spesso parlare di rigetto degli impianti dentali, ma in realtà questa espressione non è propriamente corretta. Quando si parla di “rigetto” infatti si intende la reazione del sistema immunitario ad un corpo esterno che l’organismo non riconosce: può essere un organo, un tessuto. Nel caso di un elemento non-organico come una vite in titanio utilizzata nelle operazioni svolte dal dentista questo non accade, ecco quindi perché parlare di rigetto degli impianti non è corretto.
Ciò che può accadere è invece un distaccamento precoce in quanto la vite utilizzata dal dentista è in titanio, materiale che l’organismo riconosce come proprio.

La causa
La perdita di un impianto può avvenire nel breve ma anche nel lungo periodo e i motivi possono essere molteplici. In alcuni casi l’origine può essere un’infezione batterica attorno all’impianto che fa si che l’attacco tra la vite in titanio e le cellule dell’osso non si attacchino saldamente.

Se si accusa un principio di distaccamento dopo anni che l’operazione è stata effettuata le cause sono principalmente due: una scarsa igiene orale, che causerà infezioni e quindi un indebolimento delle cellule legate all’impianto, o il tabagismo. Fumare infatti è una concausa delle infiammazione del cavo orale in grado di accelerare tutte le micro-patologie dentalee orali.

Mediamente la vita di un impianto dentale va dai 20 ai 30 anni nella maggior parte dei casi. Solo nel 3% dei casi è stimata la perdita dell’impianto che può verificarsi anche in più fasi: o nei giorni successivi all’intervento, ma anche negli anni a venire con una mobilità anomala, dolore, gonfiore e sanguinamento della zona interessata.

Per preservare l’impianto bastano pochi accorgimenti e il paziente dovrà impegnarsi per una costante e corretta igiene orale, a casa, e regolarmente anche dal dentista per rimuovere residui di placca e tartaro che si depositano sui denti.

Il rigetto perciò non è un fenomeno che esiste in implantologia dentale, a differenza di infezioni e infiammazioni che nell’implantologia possono verificarsi per varie ragioni. Prevenirle è facile, e mantenere in perfetto stato il proprio impianto richiede piccole, e quotidiane, attenzioni da parte del paziente.

Necessiti di questo tipo di trattamento
o vorresti qualche informazione a riguardo?