Parodontologia

Si intende col termine parodontologia quella scienza che si propone di mantenere o ripristinare, mediante specifici interventi, i tessuti di sostegno del dente (parodonto appunto), ovvero la gengiva e l’osso in cui denti sono inseriti.

I casi tipici, quelli più evidenti, in cui il paziente può da solo diagnosticare sui suoi denti problematiche di tipo parodontale sono:

  • recessioni gengivali: i cosiddetti denti lunghi, che si presentano in maniera più o meno accentuata a casa di accumuli di placca oppure quando ci spazzoliamo i denti con troppa forza o in modo scorretto;
  • mobilità dentale: più o meno accentuata a causa di accumuli di placca e disturbi masticatori.

Le problematiche parodontali si configurano spesso in un quadro che viene definito di vera e propria Malattia Parodontale, la quale, se non si interviene in maniera appropriata, può anche determinare la perdita dei denti.

La Malattia Parodontale causa:

  • dolore
  • gengive arrossate, gonfie e facili al sanguinamento
  • perdita ossea
  • tasche
  • mobilità dentale
  • alitosi dovuta all’accumulo di placca

In presenza di questi sintomi è bene recarsi dal dentista che si preoccuperà di mettere in opera il trattamento più opportuno. Le possibilità andranno dalla semplice rimozione di placca e tartaro accumulati, alla levigatura delle radici per favorire la guarigione delle gengive, fino alla copertura delle recessioni gengivali che scoprono i denti e li fanno apparire “lunghi”.

Necessiti di questo tipo di trattamento
o vorresti qualche informazione a riguardo?