Vai al contenuto
Sommario

Serviti delle ancore qui sotto per raggiungere l’argomento interessato
e leggere il contenuto.

La fluoroprofilassi è una forma di prevenzione che prevede la somministrazione di fluoro, sia negli adulti che nei bambini, per rafforzare lo smalto e rendere i denti più resistenti ad attacchi da parte di sostanze acide che causano la formazione di carie.

L’obiettivo della fluoroprofilassi è evitare la mancanza ma anche l’eccesso di fluoro, in quanto in entrambi i casi si possono avere degli effetti negativi, come la mancata protezione della carie dentale o l’insorgenza di fluorosi.

Dunque, è estremamente importante individuare quale sia il metodo migliore per la somministrazione del fluoro che può essere integrato in due modi: per via sistemica o per via topica. Come capire qual è la più adatta a noi? Questo dipende da un fattore di età e dal tipo di fase in cui si trova il dente.

Fluoroprofilassi nei bambini

Sarebbe opportuno iniziare la fluoroprofilassi fin dai primi mesi di vita del bambino per poter garantire un elevato livello di prevenzione delle carie.L’OMS consiglia di cominciare intorno ai 6 mesi, circa quando spunta il primo dente da latte, per via topica con l’uso di un dentifricio fluorato che abbia massimo 1000 ppm di fluoro due volte al giorno o per via sistemica con la somministrazione di gocce o pastiglie di fluoro.

Fluoroprofilassi negli adulti

In età adulta la somministrazione del fluoro è consigliata per via topica attraverso l’uso di dentifrici, collutori e gel fluorati, per rafforzare lo smalto e prevenire patologie cariose. Il fluoro è una sostanza già presente in natura che ha la capacità di rafforzare lo smalto dei denti, per questo motivo è consigliato nei soggetti cariorecettivi, a chi soffre di denti sensibili, di bocca secca cronica e di gengive infiammate. Inoltre, si consiglia di effettuare un ciclo di fluoro a chi si sottopone ad un trattamento di sbiancamento o per remineralizzare lo smalto.

Fluoroprofilassi per via sistemica

Per via sistemica si riforma il tessuto dentario formando della fluoropatite più resistente del normale smalto già presente nei denti.

La fluoroprofilassi sistemica può avvenire tramite l’assunzione di:

  • compresse o gocce contenenti fluoro;
  • alimenti contenti fluoro (acqua, sale, latte, pesce, etc.)

Il fluoro è contenuto in molti alimenti ma non a sufficienza per garantirne la dose ottimale pari a 1 mg/dì dai 6 ai 13 anni di età.

Questo significa che nel nostro Paese, l’unica possibilità di assunzione sistemica di fluoro è attraverso gocce o compresse di fluoruro di sodio.

Fluoroprofilassi per via topica

Per via topica, invece, si sfruttano le capacità antibatteriche del fluoro contro i batteri della carie e la remineralizzazione dello smalto nel caso in cui sia danneggiato. La somministrazione topica del fluoro può essere professionale o domiciliare.

La fluoroprofilassi topica professionale è effettuata dal professionista per mezzo di appositi applicatori contenenti gel a base di fluoro.

La fluoroprofilassi topica domiciliare si effettua a casa tramite l’impiego di dentifrici e collutori a base di fluoruro di sodio, con diverse percentuali in base all’età.

Creiamo trattamenti personalizzati per soddisfare le esigenze di ogni paziente!