Vai al contenuto
Sommario

Serviti delle ancore qui sotto per raggiungere l’argomento interessato
e leggere il contenuto.

Sempre più persone desiderano avere i denti bianchi e un sorriso luminoso. La loro ricerca inizia con soluzioni casalinghe o affidandosi a dentifrici sbiancanti che promettono risultati veloci contro macchie e denti ingialliti. Bisogna stare attenti però: la scelta del dentifricio sbiancante è cruciale in quanto, se non adatto ai propri denti, potrebbe procurare persino effetti collaterali.

Come funziona il dentifricio sbiancante?

Prima di tutto è doveroso far presente che solamente il perossido di idrogeno o di carbammide è in grado di determinare un significativo e reale sbiancamento dei denti, ma si tratta di una soluzione in uso solo nell’ambito medico e non reperibile in commercio.

I comuni dentifrici sfruttano il meccanismo dello sbiancamento ottico e il loro utilizzo va ad agire solo esternamente. I dentifrici ad azione sbiancante hanno, infatti, risultati molto limitati: un dentifricio sbiancante non può cambiare il colore naturale dei denti e non ha effetto sulle macchie profonde dello smalto dentale, come quelle generate dal fumo o dalle aggressioni batteriche. Questi prodotti sbiancanti sono in grado di mascherare soltanto qualche macchia superficiale causata da alimenti coloranti come il caffè e gli zuccheri, ma non influiscono in alcun modo sul colore intrinseco dei denti.

Rovina i denti?

Il dentifricio sbiancante può rovinare i denti se usato tutti i giorni? La risposta è sì. La composizione di questi prodotti ad azione sbiancante esercita una forza abrasiva superiore ad altri dentifrici, e questo può effettivamente provocare dei danni alla superficie del dente, specialmente se ve ne si fa un impiego prolungato.

Consigliamo quindi di utilizzarli una volta alla settimana, e di risciacquare sempre la bocca con acqua dopo averli usati e soprattutto, per chi lo fa, di non fumare dopo aver usato uno di questi dentifrici, perché i risultati possono essere davvero controproducenti.

La soluzione? Lo sbiancamento professionale

Cosa si può fare dunque per avere denti più bianchi e sani? Per ottenere risultati reali e duraturi ci si può affidare alla figura del dentista e sottoporsi a uno sbiancamento dentale professionale.

Questo tipo di trattamento non serve semplicemente a rimuovere le macchie dai denti in maniera superficiale, ma agisce in maniera profonda per modificare realmente il colore dei denti e renderli più chiari.

Basta una seduta o due per avere denti più bianchi e un sorriso più sano.

In conclusione, se si vuole avere una bocca sana e un sorriso luminoso, la soluzione non è tanto il dentifricio sbiancante quanto una corretta pulizia dei denti quotidiana, la rimozione delle cause che li inscuriscono (ovvero limitare il consumo di alimenti coloranti e il fumo), e le visite di controllo dal dentista.

Creiamo trattamenti personalizzati per soddisfare le esigenze di ogni paziente!