Vai al contenuto
Sommario

Serviti delle ancore qui sotto per raggiungere l’argomento interessato
e leggere il contenuto.

La cisti dentale è una patologia piuttosto diffusa ma che, nella maggior parte dei casi, non ha sintomi evidenti. Molto simile al granuloma, è solitamente una complicanza della necrosi pulpare e si presenta come una cavità circoscritta, piena di fluido sieroso, mucoso o gassoso.

La ciste dentale, o ciste odontogena, può essere indotta anche da traumi, carie profonde, pulpiti, casi di inclusione dentaria, interventi di devitalizzazione o estrazione mal riusciti o complicanze dei granulomi dentali.

Esistono tre diverse tipologie di cisti dentarie:

 

Sintomi e diagnosi delle cisti dentali

Come abbiamo detto poco fa, le cisti dentali sono asintomatiche nella stragrande maggioranza dei casi, a meno che non diventino tanto grandi da arrivare a compromettere la stabilità dei denti da cui originano o da intaccare i tessuti molli. Spesso e volentieri, quindi, la diagnosi della ciste dentale è quasi involontaria, visto che è individuabile soltanto attraverso un controllo radiologico, una panoramica o una tac 3D, come quella utilizzata negli studi di Zenadent.

 

Cisti dentale: cosa fare?

Le cisti dentali possono essere trattate in modo diverso in base al loro stadio e alla loro dimensione.

Le cisti dentali più piccole vengono generalmente trattate con l’endodonzia: questo approccio prevede che venga effettuata la cosiddetta terapia canalare, in cui il canale dentale viene riempito con pasta disinfettante per favorire il riassorbimento della cisti. Il successo della terapia viene poi valutato a distanza di qualche mese attraverso esame radiologico.

Nel caso di cisti più gravi o nei casi in cui la terapia canalare non abbia avuto esito positivo si procede con trattamento chirurgico. Questa procedura prevede l’estrazione del dente per poter poi arrivare alla cisti, in modo da poterla rimuovere insieme alla capsula che la contiene con l’utilizzo di precisissimi strumenti di piezosurgery. È importante assicurarsi che la cisti venga rimossa del tutto per evitare che residui cistici possano interferire con la completa guarigione.

A distanza di circa tre o quattro mesi, sarà poi possibile procedere con l’impianto di un nuovo dente al fine di ripristinare completamente il sorriso.

Tutte queste operazioni da Zenadent possono essere svolte in sedazione cosciente, in modo da ridurre al minimo i fastidi intra e post operatori.

Creiamo trattamenti personalizzati per soddisfare le esigenze di ogni paziente!